Tanzania

La nostra prima safari – Prima parte

on
6. Aprile 2018

Oggi ci siamo alzati e ci siamo goduti un’ottima colazione. Punto le 8 suona alla porta: veniamo presi per la nostra prima safari!

Ma sulla strada per la compagnia di safari c’era un enorme ingorgo, quindi il nostro autista ha intrapreso un piccolo sentiero. Sì, l’argomento con i percorsi segreti … Oh, ho già detto che siamo qui nella stagione delle piogge?
La scorciatoia passava tra alcune case e una strada sterrata, che era ovviamente completamente fangosa dalla pioggia. Dopo 10 minuti di tentativi inutili, Michele è sceso dalla macchina per spingere la macchina – beh, che inizio buono!

Quando finalmente siamo arrivati ​​in un vialetto, Michele e io eravamo un po ‘confusi! Siamo giusti qui? Perché la macchina del safari era Hekima Safari, ma avevamo prenotato tramite Greg Adventure?


Ma la nostra guida ha spiegato che le due compagnie di safari si supportano a vicenda e talvolta raggruppano un gruppo.

Ok, dopo che ci siamo presentati tutti,siamo partiti. Oggi andremo a vistare il Tarangire Nationalpark.

Onestamente, Michele e io non sapevamo davvero del Parco Nazionale, quindi non avevamo aspettative. Ma ovviamente vuoi vedere leoni, elefanti e forse anche un leopardo prima di ogni safari.

Una volta arrivati ​​al Tarangire, la nostra guida ha dovuto prima acquistare il permesso per il parco nazionale. Nel frattempo, potremmo andare di nuovo in bagno e osservare i primi animali. C’era dappertutto scimmie vervet verdi.C’era anche un bambino piccolo che voleva rubare il mio telefono dalla tasca posteriore!

Dopo che mi sono voltato, si è arrampicato su un albero in pochissimo tempo!

Piccolo birichino!

Quando Sami è tornato, eravamo davvero eccitati! Siamo saliti in macchina e abbiamo iniziato a guidare! A 100 metri più a sinistra c’era già una mandria di impala

e 5 minuti dopo, i primi babbuini attraversavano la strada di fronte alla nostra macchina.

Wow già così tanti animali in così poco tempo! Mentre continuiamo a guidare, sempre lungo la strada, l’argentina ha improvvisamente gridata “Elefante!”.Abbiamo guardato fuori dal tetto aperto e abbiamo visto il nostro primo elefante in libertà. Sfortunatamente, era davvero lontano, quindi non ci siamo fermati e continuiamo ad andare avanti.

Di fronte a noi abbiamo visto altre due auto safari. Eravamo davvero eccitati! Quale animale potrebbe essere lì?
Quando arrivammo alle macchine, ci chiedemmo cosa cé. Non abbiamo visto niente.

Dopo aver guardato Sami, si è alzato e ci ha fatto vedere lileoni. Sotto un albero, protetto dall’alta erba, c’erano tre leoni femminili. Rimasero lì tutto il tempo e non ci permisero di disturbarli. A malapena riuscivamo a vederli con il binocolo.

Nella foto puoi vedere i leoni meglio del reale!

Dal momento che la vista non era così mozzafiato ora, continuiamo la guida.
Successivamente abbiamo visto un gruppo di facoceri.

C’era anche un mini Pumbaa.

45 minuti dopo essere entrati nel Parco Nazionale, c’era già la prima pausa. Non eravamo ancora molto affamati, ma uno di noi non vede l’ora che arrivi il cibo!

Dopo la pausa abbiamo visto ancora tanti elefanti! O erano soli da qualche parte e mangiavano o stavano in una mandria e mangiavano. Non importa come, ma anche gli elefanti sono sempre a mangiare!

Più tardi abbiamo visto anche la nostra prima giraffa! Rimase lì calma e si godette che gli uccelli raccogliessero tutti gli insetti dalla sua pelliccia.

Ma l’animale più carino di tutti era uno piccolo Dikdik, che in qualche modo era un po ‘perso e non sapeva cosa fare quando la nostra enorme macchina da safari passava.

4 ore e mezza eravamo nel Tarangire National Park e alla fine del nostro tour ha purtroppo iniziato a piovere.

Fortunatamente siamo partiti senza aspettative, altrimenti saremmo stati davvero delusi. Ma sappiamo che la stagione delle piogge non è ottimale per un safari e che avremo un altro giorno al Ngorongoro Crater, speriamo solo di vedere altri animali lì!

Ce ne sono molti Tsetsemosce nel Tarangire National Park, che, tra le altre cose, può trasmettere la malattia del sonno! Sono attratti dai colori nero e blu scuro.

TAGS

LEAVE A COMMENT

Leegio-traveltime
Deutschland